518
post-template-default,single,single-post,postid-518,single-format-standard,stockholm-core-2.0.7,select-theme-ver-6.6,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,paspartu_enabled,menu-animation-underline,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.2,vc_responsive

Coup de couer per la Valle Varaita

Da qualche anno un gruppo di giovani sta ripopolando un’area che era confinata nella marginalità sociale ed economica e fornendo valide ragioni restatci.
Strade e percorsi diversi che hanno deviato per convergere nello stesso punto: un destino già scritto, in realtà, perché il caso non esiste, come dice il maestro Oogway.
Stanno creando un’economia circolare che mette al centro le persone che qui ci abitano.
Il filo conduttore è il cibo come strumento culturale, sociale e politico e l’idea di integrare l’area urbana con l’area rurale non è più così utopica.

𝐈𝐥 𝐓𝐞𝐫𝐫𝐢𝐭𝐨𝐫𝐢𝐨
La Valle Varaita, in provincia di Cuneo, è racchiusa dalla Val Maira a sud, dalla Valle Po a Nord e dalla Valle del Guil a ovest e sovrastata dall’imponente gruppo del Monviso. Poche valli dell’arco alpino sono così ricche di vegetazione e di piante officinali. Conserva un grande patrimonio artistico e culturale nato dalla fusione della tradizione alpina con quella occitana.

𝐋𝐚 𝐫𝐞𝐭𝐞

🛎LA LOCANDA
Chiara e Simone, conosciuti come ‘i precursori’ perché già quindici anni fa aprivano I Chimi Locanda di Frassino  che nasce dalla loro passione per la cucina, tradizionale e occitana, l’accoglienza e la natura.

🍺LA BIRRA
Enrico Lanza, detto Chicco, e Fabio Ferrua, detto Ferru, dopo aver vissuto e lavorato a Torino nel mondo della birra, tornano in Valle per continuare a coltivare la loro grande passione. Aprono il loro birrificio: Antagonisti Melle. “In questo nome c’è tutto ciò che vogliamo”. Si rifiutano di lasciare nuovamente il piccolo paese e realizzano che l’unico modo per rimanere è quello di creare una nuova opportunità lavorativa.

🍦IL GELATO
Chicco e Ferru incontrano Juri Chiotti e decidono di aprire Fioca Gelato e Caffè, la gelateria che utilizza latte, uova, frutta ed erbe spontanee della zona. Fiori e bacche di sambuco, fieno e timo serpillo sono alcuni degli ingredienti a renderlo popolare e speciale.

🍽IL RISTORANTE
Dopo l’esperienza da chef stellato alle Antiche Contrade di Cuneo, Juri gestisce il rifugio Meira Garneri di Sampeyre, apre Fioca, per poi tornare a Frassino e creare REIS Cibo Libero di Montagna. ”Tutto ciò che avevo intorno era natura e ho capito che potevo portare quella natura dentro al piatto”. Nella testa e nel piatto una missione che celebra il territorio, un approccio sostenibile dalla cucina fino ai lavori manuali di ristrutturazione e manutenzione, l’autoproduzione con l’orto e l’allevamento di pecore di razza sambucana, conigli, galline, polli, la raccolta di erbe e frutti spontanei.

🥬L’AZIENDA AGRICOLA
Cresco nasce nel 2017 per opera di Lorenzo Barra, ex programmatore e un anno e mezzo in giro per il mondo a inseguire l’estate, e di Pietro Cigna, volontario in Perù e Kenya e una laurea in scienze sociali. In comune la passione per la vita in campagna e l’avversione per il turbocapitalismo. Non si tratta solo di un’azienda agricola che tutela la biodiversità e le varietà autoctone del territorio; Cresco è una CSA (Community Supported Agricolture), un modello di sostegno reciproco tra gli abitanti e una cooperativa di agricoltori in cui la comunità diventa ‘proprietaria’ di un progetto di produzione agricola, investendo una quota per finanziare l’attività e ricevendo in cambio una quantità di cibo.

🥖IL PANE
I nuovi arrivati in Valle si chiamano Vladimir e Agata. Bielorusso lui, polacca lei. Un passato da fotografo per Vladimir che ha transitato in cucine stellate per poi approdare, dopo l’incontro con Cristian Puglisi, alla panificazione che in realtà faceva già parte del background familare e culturale suo e di Agata. Danno vita a Crusca. Una forte propensione al gusto dell’affumicato e dell’acido tipico delle loro tradizioni culinarie, una profonda conoscenza del mondo delle fermentazioni, l’utilizzo di lievito madre e di farine di grani antichi locali danno vita a un pane per cui devi obbligarti a uscire di casa se vuoi smettere di mangiarne.

🎈WHAT ELSE?

Avremmo voluto essere più evocative, ma è meglio vedere con i propri occhi, gustare con le proprie papille e ascoltare con le proprie orecchie l’energia che riverbera come un eco in tutta la valle.